sabato 11 aprile 2009

Benchmark dei nuovi Browser

E’ da ormai qualche anno, più precisamente dal primo settembre del 2008, che la “browser war” si è inasprita ulteriormente. Difatti ,con la discesa in campo del colosso di Mountain View (a.k.a. Google)e del suo Google Chrome , e successivamente di Apple con Safari 4.0 , il numero di alternative a Internet Explorer sono aumentate , tantoché si è arrivati allo storico momento in cui non è più quest’ultimo browser ad essere il maggiormente diffuso. ( fonte ) Proprio a causa di questa sempre maggiore diversità nel panorama dei browser si rende necessario poterne delineare le differenze , sia in prestazioni , che in affidabilità e usabilità. Tale articolo sarà quindi improntato all’analisi di queste diversità e delle capacità di ogni singolo browser , con un occhio particolare alle prestazioni . Come programma di test la scelta è ricaduta sul Benchmark per browser della Futuremark , Peacekeeper , la stessa del famoso 3D Mark per ambito ludico. Il tool , integrato totalmente nel browser , è ancora in versione beta, ma si è dimostrato adatto allo scopo, soprattutto per quanto attiene alla velocità della visualizzazione, e pertanto ne è stato scelto l’impiego . Si è inoltre scelto di eseguire il nuovo Acid Test 3 su tutti i browser presi in considerazione al fine di verificarne la compatibilità con nuovi script e standard web .
IL TEST
La configurazione hardware della macchina con cui sono stati eseguiti i test è la seguente: Intel Core 2 Q6600, 4 GB Ram DDR2 , nVidia Geforce GTX 285, Vista 64. Le misure sono state eseguite più volte e ne è stata quindi eseguita la media matematica ; il tutto in un ambiente controllato , con SO pulito , senza applicazioni in background e con i servizi e impostazioni di default.
I browser che sono invece stati presi in considerazione sono :
Firefox 3.0.8
Firefox 3.1b3
Chrome 1.0.154.53
Interne Explorer 8
Safari 4.0 beta
Ossia gli ultimi browser disponibili dalle rispettive case , e in versione beta e non per Firefox3.0.8.




ANALISI
Il primo dato che salta agli occhi , ma che non stupisce più di tanto, è la manifesta inferiorità nei test dei browser di Mozilla e di Microsoft rispetto agli altri. E’ infatti imbarazzante lo stacco che le applicazioni basate sul nuovo Webkit ( Safari e Chrome ) riescono a dare ai concorrenti.
Va comunque notato che Firefox 3.0.8 ,anche se uscito alla fine di Marzo di quest’anno, è comunque basato su una versione di giugno dell’anno scorso , è lecito quindi che non sia all’altezza di concorrenti più recenti. Il vero smacco viene invece subìto da Internet Explorer 8 che ,nonostante sia stato rilasciato da poco , risulta comunque il più lento. Vince lo scontro Safari 4.0 che risulta quindi il più veloce in questi test . Anche Chrome si difende bene facendo riportare punteggi sopra il migliaio , da notare inoltre il guadagno prestazionale che si registra con la nuova beta di Firefox , che apporta un incremento di circa il 50% rispetto alla versione non beta.
ACID TEST 3
Il secondo test che si è scelto di fare per verificare la compatibilità di questi browser con i nuovi standard web, anche se in alcuni casi sono standard non definitivi, è l’ Acid Test 3. Le modalità di esecuzione sono le stesse del test con Peacekeeper e i browser i medesimi.




ANALISI
I risultati di questo secondo test confermano il trend visto nel primo. Safari è l’unico dei browser che riesce a completare con successo il test con una risultato di 100/100 . Chrome cede invece il secondo posto , che vede invece presente Firefox 3.1 beta 3 che , seppur non riuscendo a superare totalmente la prova , ottiene comunque il punteggio di 93/100. Segue quindi il browser di google seguito dalla versione retail di Firefox 3.0.8. Il cucchiaio di legno va assegnato invece a Internet Explorer 8 che fa registrare un punteggio di molto inferiore a tutti gli altri . Va specificato che in realtà , per stessa ammissione di Microsoft , questo risultato così basso sarebbe da imputare a una precisa scelta di Redmond più che a un difetto del browser. Nick Hodge , Professional Geek di Microsoft Australia , ha infatti dichiarato che Internet Explorer 8 aderisce totalmente agli standard e che il risultato conseguito all’Acid Test 3 sia dovuto al fatto che quest’ultimo utilizza standard non ratificati . Resta certo il dubbio sui risultati in generale , infatti , nonostante IE8 sia uscito da poco, non sembra in grado di tenere il passo con browser anche precedenti. Promosso a pieni voti invece Safari 4 che si è dimostrato eccezionalmente veloce e compatibile.

note sull autore:
Giovanni Nigro,laureando in ingegneria biomedica,appassionato di informatica programma in C ,C++ lavora attivamente in diversi progetti di bioinformatica.

2 commenti:

Olive Tree Guitar Ensemble ha detto...

Hi, it's a very great blog.
I could tell how much efforts you've taken on it.
Keep doing!

Anonimo ha detto...

I agree with this blog ... with this article especially since on the Internet run more voices in which the source is not reliable ...

Testing browsers, it's a job that should be seen by both sides: on the one part, the speed, the standards of language that is used for creating web pages, such as the new HTML5, the more advanced scripts that are put inside the source code, all this is tested ... But on the other side should also be seen as the software, even if they are very fast, they use an excessive amount of RAM, making slower the system.

Then, a test that is really good to be done on both sides of the problem, that is looking at the efficiency and memory consumption, comparing the data obtained and seeing to the improvement

Thank you for your attention

Hack